Come avviare un’impresa

Quanti hanno nel proprio cassetto un’idea di business, un sogno da voler realizzare e mettere in atto? Molti se non tutti! E solo pochi si attivano per creare e dar vita a ciò che hanno desiderato per anni.

Mettere in piedi dal nulla un’impresa che sia individuale o in società non ha importanza, ciò che conta e che fa la differenza è l’idea che sta alla base. Sono soprattutto i giovani che si lanciano in queste avventure supportati a volte da finanziamenti e a volte da fondi propri. Purtroppo non sempre il successo è garantito. Creare un’impresa significa rischiare, significa mettersi sul mercato e saperci fare. Se non vengono ponderati tutti i fattori e qualche variabile ahimè il tracollo è alle porte. Allora ci sono dei passaggi che chi ha volontà a cimentarsi in questo progetto, deve valutare e perseguire pedissequamente.

Si deve partire con una buona idea che deve essere innovativa e tendenzialmente nuova. Essa deve appassionare, non deve stancare nemmeno chi la gestisce, deve motivare e interessare l’imprenditore così che possa essere sempre stimolato a potenziarla e a fare sempre meglio.

Oltre a questo è necessario che si faccia un’analisi anche sulla persona, nel senso che ci è promotore di quest’iniziativa deve capire se ha la stoffa dell’imprenditore, ciò vuol dire che bisogna aver personalità, autonomia, voglia di fare e di accettare i rischi. Ma sopratutto deve avere la capacità di sapersi inventare e deve avere quella capacità decisionale che gli servirà a gestire al meglio la nuova attività. Altro fattore importante è il self control non può permettersi di esplodere o andare nel pallone di fronte ad impedimenti burocratici e amministrativi.

A questo punto bisogna decidere se fare tutto da soli o se allearsi con qualcuno di fiducia e costituire una società. Quest’ultima strada offre meno autonomia però allo stesso tempo consente di dividere l’investimento, di condividere momenti belli e brutti. Solo a questo punto quando le idee sono chiare si attivano tutti gli step necessari: dalla ricerca del locale, alla scelta del nome, all’organizzazione dell’allestimento della location fino ad arrivare alle pratiche burocratiche che prevedono tempo e dedizione. Quando tutto è in regola si possono aprire le danze e iniziare questa nuova attività.


[fbcomments]